Pier Paolo Pasolini- da “Le ceneri di Gramsci”-Biblioteca DEA SABINA

Biblioteca DEA SABINA

Pier Paolo Pasolini
Pier Paolo Pasolini

– Pier Paolo Pasolini, da “Le ceneri di Gramsci”-

 
“Uno straccetto rosso, come quello
arrotolato al collo ai partigiani
e, presso l’urna, sul terreno cereo,
diversamente rossi, due gerani.
Lì tu stai, bandito e con dura eleganza
non cattolica, elencato tra estranei
morti: Le ceneri di Gramsci… Tra
speranza
e vecchia sfiducia, ti accosto, capitato
per caso in questa magra serra, innanzi
alla tua tomba, al tuo spirito restato
quaggiù tra questi liberi. (O è qualcosa
di diverso, forse, di più estasiato
e anche di più umile, ebbra simbiosi
d’adolescente di sesso con morte…)
E, da questo paese in cui non ebbe posa
la tua tensione, sento quale torto
– qui nella quiete delle tombe – e insieme
quale ragione – nell’inquieta sorte
nostra – tu avessi stilando le supreme

pagine nei giorni del tuo assassinio.”

Pier Paolo Pasolini
Pier Paolo Pasolini
– Pier Paolo Pasolini, da “Le ceneri di Gramsci”-