Boris Pasternak:Sui treni del mattino-Editore Passigli

Boris Pasternak:Sui treni del mattino-Editore Passigli
Boris Pasternak:Sui treni del mattino-Editore Passigli

Boris Pasternak:Sui treni del mattino. Testo russo a fronte

di B, a cura di Elisa Baglioni
• Editore Passigli

(dalla prefazione)«Quel che per i contemporanei era evidente e ancora oggi costituisce il nucleo irriducibile dell’opera di Boris Pasternak è una prodigiosa e taumaturgica forza sorgiva che egli riesce a liberare persino nei momenti più bui della storia del suo Paese. Si può dire che Pasternak sia sempre interno al flusso della vita, viaggi con esso e catturi i momenti del giorno che meglio la animano e la risvegliano, come indica il titolo della poesia che dà il nome a questa raccolta: Sui treni del mattino. Non soltanto il treno sarà un tropo ricorrente nei suoi versi, uno strumento della modernità attraverso cui penetrare le ampiezze della Russia e conoscerne gli abitanti dalla periferia, ma sarà anche un treno rannij, equivalente in italiano di “prime ore del giorno”, “mattino presto”, quando si avverte il passaggio da uno stato assopito all’ipersensibilità percettiva. È cruciale per il poeta cogliere lo stato liminare dei fenomeni… A differenza di Majakovskij, Achmatova, Cvetaeva, Blok, a dispetto di ogni affiato romantico, l’io lirico del poeta è secondario, è dissolto nei versi, non sappiamo quasi nulla di lui, sebbene le poesie siano piene di corporeità, di impulsi sensoriali e sensuali. La natura è presente nel suo essere materia, acquista un corpo, mentre l’io cerca una fuga all’infuori di sé.» (dalla prefazione)

Boris Pasternak
Boris Pasternak