Poesie di Verónica Jiménez: PoesÍa De Chile

Verónica Jiménez
Verónica Jiménez

Presentiamo alcune poesie di Verónica Jiménez: PoesÍa De Chile

L’amore non ha niente a che fare con l’amore
non ha niente a che fare la sete con l’acqua che dirompe
né la primavera con il fiore che si stacca dallo stelo.
Sono solo esempi.

L’amore ha a che vedere con l’abitudine di guardarsi più volte negli occhi                                                         
ha a che vedere con l’abitudine
di cercare negli occhi avversi l’eco di un lampo
o parole gentili dietro le maschere severe del silenzio.

Non hanno niente a che fare con l’amore i prolungamenti dell’estate
né le foglie che si staccano esauste dagli alberi
neanche quelle che agli alberi si aggrappano come tarli.
È un esempio.

L’amore ha a che fare con una casa distrutta dalla pioggia
con stanze al buio e le pozzanghere
con le tristi camicie avvinghiate al vuoto dell’aria
con i maglioni senza scopo sospinti nel fuoco
con un paio di occhi soffocati nel loro specchio.

L’amore ha a che fare con l’abitudine di guardarsi negli occhi più volte
e riattizzare le fiamme delle pozzanghere più volte
e ospitare la pioggia nelle stanze buie più volte.

L’amore ha a che fare con la fuga dalle nostre case
col fondare nel fango una nuova città per metterci al riparo
col vestirci in nome dell’amore di una nuova ghirlanda di grandine
col rinnegare nel suo nome i frutti e gli alberi.

L’amore non ha niente a che fare con l’amore.
Non ha niente a che fare l’amore con le parole che feconda.

 

 

CORPI AVVERSI
 

La luce è sedentaria, l’oscurità 
ci spinge in quattro direzioni
alla velocità del riso o dello spavento

Abbi il coraggio di incrociare i corpi avversi
anche se ti accorgi che i piedi
sono la contraddizione dei piedi
cercando marciapiedi transitori
nella notte. Va e penetra
nei loro corpi
e se qualcuno ti chiede di trattenerti
nel momento in cui le tue mani
contano mani e quanto hai toccato
è preso da un vento verticale
non lo ascoltare, abbi il coraggio 
di abitare solchi avversi, come
il nottambulo fa migrare
quanto ha toccato
verso una luce che sprofonda
nella lampada spenta.

 

 

Comprendere all’improvviso
il luogo più propizio per il fiore
l’esatta commemorazione del petalo
che si sfoglia, cade e si dissolve
in un sogno senza più sussulti.

La consunzione dello scheletro
la crescita tenace delle unghie
senza altro scopo
d’immaginari graffi nel legno.

Il fiore perde i nettari che lo intridono
la carne si ripiega verso il ventre del nulla.

 

 

 

I miraggi della luce
sulle steppe solitarie della pelle.

Sotto il suolo
i rituali funebri dell’amore
lacerano le foglie.

Una stella bagna l’altra
come prima bagnava il corpo irrigidito.

Acque di dolore, germoglio
estirpato.

Con la luce degli astri costruisce una lanterna
per cercare sotto le ceneri
statue immobili o cadaveri in movimento:

questo è un braccio e giace aggrappato alla lampada
questi sono gli occhi avvezzi a guardare all’interno.

La bocca lancia pietre nel precipizio
e il corpo
si svuota di tutti i nomi.

Il corpo tenta di entrare in quello che rimane
quando finisce l’accoppiamento degli astri.
 

Traduzioni di Sabrina Foschini

Verónica Jiménez (Santiago del Cile, 1964) dal libro Nada tiene que ver el amor con el amor, pubblicato da Piedra de Sol Ediciones a Santiago nel 2011, e da noi, a cura di Sabrina Foschini, nel 2014 con il titolo L’amore non ha niente a che fare con l’amore. Verónica Jiménez ha ricevuto nel 2013 il premio Migliore Opera Letteraria del Consiglio della Cultura del Cile, per il suo saggio Cantores que reflexionan. Cultura y poesía popular en Chile.