Yasar Kemal uno degli scrittori più importanti del nostro tempo è nella Black list curda-Il Manifesto

 
Yasar Kemal è uno degli scrittori più importanti del nostro tempo è nella Black list curda-

Fonte-Il Manifesto

Yasar Kemal
Yasar Kemal
 
 
-Una pagina nera della storia della Svezia-
Black list curda e Nato. Yasar Kemal è uno degli scrittori più importanti del nostro tempo. Lascia che i cardi brucino! , il suo libro d’esordio deve essere stato letto da milioni di persone
Olle Svenning *
Yasar Kemal è uno degli scrittori più importanti del nostro tempo. Lascia che i cardi brucino! , il suo libro d’esordio deve essere stato letto da milioni di persone. Kemal, cresciuto in una famiglia curda.
È stato perseguitato, imprigionato e picchiato dai servizi di sicurezza e dall’esercito turchi.
Lui, comunista e attivista per la libertà dei curdi, è stato bollato come terrorista. Kemal
fu costretto all’esilio e fu ricevuto dalla Svezia nel 1977 e poté trasferirsi ad Årstavägen 29 a Stoccolma.
La strada per un immaginario successore di Kemal è chiusa oggi. Il governo svedese ha promesso al governo, simile a una dittatura, di Erdogan che Säpo, in collaborazione con il servizio di sicurezza turco, monitorerà i curdi, con particolare energia quelli che sono politicamente di sinistra e lavorano per un Kurdistan indipendente. Chi deve essere definito un “terrorista” e quindi può essere espulso dalla Svezia è deciso di concerto con Erdogan e il suo clan.
Nessun ministro svedese ha menzionato il terrorismo di Stato che la Turchia sta compiendo su larga scala contro i suoi cittadini.
Anche la libertà di stampa è sotto il controllo turco: nessuno è autorizzato a diffondere informazioni sugli attivisti curdi in Svezia.
Anche la politica dei partiti è regolata da Erdogan. Ai socialdemocratici non dovrebbe essere consentito di contribuire a un’organizzazione curda che è membro dell’Internazionale socialista e che ha combattuto l’Isis con grande successo.
Il periodo di questi scandali svedesi può essere associato al periodo più nero che abbiamo vissutodurante e dopo la seconda guerra mondiale.
Il governo ha fatto alcuni calcoli politicamente molto facili da capire: per essere protetti dall’ombrello nucleare degli Stati Uniti contro l’aggressione e la guerra russa, dobbiamo difendere e quasi elogiare un’autocrazia come la Turchia.
Il governo socialdemocratico non si è solo adattato alla Nato; ha anche sbriciolato o distrutto tutti i suoi documenti precedentemente critici sulla Turchia di Erdogan. Quel governo è stato presentato solo un paio di anni fa in un documento pubblico di 24 pagine del ministero degli Esteri. Scelgo alcune opinioni chiave: «la Turchia erode il rispetto dei diritti umani, pratica leggi di emergenza. La magistratura è erosa. La corruzione è diffusa. I diritti del sindacato fuori gioco.
Centrale è la seguente frase nel documento del ministero degli Esteri: «Le leggi contro il terrorismo ei crimini contro lo Stato, così come le calunnie del presidente, servono a mettere a tacere dissidenti e critici del regime».
Questi silenziosi e perseguitati, spesso imprigionati, includono i procuratori dell’opposizione democratica, la stragrande maggioranza della società civile, la stampa, la vita culturale e le persone Lgbtqi.
È con questo Paese, così ben presentato dal Ministero degli Affari Esteri, che stipuleremo un’alleanza militare, con la quale condivideremo una strategia sulle armi nucleari e alla quale invieremo armi senza alcuna restrizione.
Prezzo che il governo paga volentieri per l’adesione alla Nato. L’Alleanza della Difesa, che è il termine lusinghiero per questa alleanza militare che è in guerra da oltre mezzo secolo. La seconda forza militare dell’Alleanza atlantica, quella turca, si prepara a lanciare nuovi attacchi terroristici contro i curdi nel nord-est della Siria.
Mentre i principali eventi e guerre internazionali sono in corso, potrebbe comunque valere la pena porre una domanda importante a livello nazionale: quanti voti di sostegno riceveranno quest’autunno gli oppositori della NATO al Partito dei Verdi?
* È stato stretto collaboratore di Olof Palme e direttore di “Aftonbladet ”. Il testo per gentile concessione dell’autore, è tratto dal sito di “Aftonbladet”.
Fonte IL MANIFESTO