Giuseppe Muraca, “L’integrità intellettuale. Scritti su Franco Fortini”

Giuseppe Muraca

Biblioteca DEA SABINA-Giuseppe Muraca, “L’integrità intellettuale. Scritti su Franco Fortini”.

 

Giuseppe Muraca
Giuseppe Muraca

È uscito da pochi giorni un nuovo libro di Giuseppe Muraca dedicato al Franco Fortini:

Giuseppe Muraca, “L’integrità intellettuale. Scritti su Franco Fortini”. Edito da Ombre Corte, 12 euro.

Si tratta di una raccolta di scritti sull’intellettuale fiorentino composto da 5 capitoli: 1. I dieci inverni. 2. Fortini e Pasolini. 3. Fortini dalla crisi del ’56 alla contestazione. 4. Attilio Mangano, Franco Fortini e la nuova sinistra. 5. Note di lettura.

Una panoramica ricca di contenuti e di spunti per eventuali approfondimenti per chi, come me, ha una conoscenza superficiale della vasta produzione intellettuale fortiniana. Come scrive Muraca, risulta centrale negli scritti di Fortini “la riflessione sul ruolo degli intellettuali e dello scrittore nella società del 900 e il loro impegno per la costruzione di una nuova società, di una società socialista. Per molti la sua colpa è stata quella di essere stato un marxista critico ed eterodosso e un comunista eretico; ma per me deriva proprio da questo aspetto la sua singolarità e la sua esemplarità. E persino negli ultimi anni, quando oramai la storia aveva preso una direzione diversa da quella sperata, egli si è mantenuto fedele, con grande coerenza e integrità morale, a questa scelta radicale”.

In un estratto riportato da Muraca da una lettera del 1958 Fortini scrive: “Quando tutti parlano d’amore, di lealtà, di collaborazione, di “progresso”, di buonumore, di “denuncia” dei mali e di fiducia nella “scienza”, bisogna insegnare l’odio, l’ipocrisia, la divisione, il “regresso”, la negazione, la sfiducia nella “scienza”: il primato dell’azione, anche apparentemente minima, purché compiuta da un gruppo di persuasi è situata in una prospettiva corretta”.