UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti

UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti

UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti-

SABA UMBERTO.  Quello che resta da fare ai poeti. Trieste, Edizioni dello Zibaldone (Fratelli Cosarini), 1959 (Aprile)- Questo interessante saggio, scritto nel 1911, fu inviato da Saba a “La Voce” e rimase inedito per il rifiuto di Scipio Slataper. Nota introduttiva di Anita Pittoni. Prima edizione postuma.

UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti
UMBERTO SABA Quello che resta da fare ai poeti