“Le Sabine” è un dipinto di Jacques-Louis David

 

“Le Sabine” è un dipinto Jacques-Louis David
“Le Sabine” è un dipinto Jacques-Louis David

Le Sabine” è un dipinto di Jacques-Louis David

Le Sabine” è un dipinto ad olio su tela di grandi dimensioni – misura infatti 385 x 522 – eseguito da Jacques-Louis David tra il 1796 e il 1799 ed esposto a Parigi al Museo del Louvre. Il soggetto non rappresenta il Ratto delle Sabine da parte dei Romani, tema già trattato da Giambologna e Poussin, per esempio, ma un episodio leggendario delle origini di Roma nell’VIII secolo, di cui parlano Plutarco e Livio (Ab Urbe condita, I, 9, 5-10).Si tratta di un dipinto di genere storico appartenente alla corrente neoclassica, che segna un’evoluzione nello stile di David dopo la Rivoluzione francese e qualificato da lui stesso come puramente greco. David iniziò il dipinto all’inizio del 1796 e la sua realizzazione durò quasi quattro anni. Il maestro fu assistito da Delafontaine, responsabile della documentazione, e da Jean-Pierre Franque, che in seguito fu sostituito da Jérôme-Martin Langlois e da Jean-Auguste-Dominique Ingres. David dipinse Le Sabine senza aver ricevuto da qualcuno la commissione del quadro e alla fine del 1799 espose il dipinto al Louvre nell’ex gabinetto di architettura.

Nonostante la sua mostra fosse a pagamento, Le Sabine attirò un gran numero di visitatori fino al 1805.

Anche la scelta di esporre un quadro e di farlo vedere previo pagamento di un biglietto d’entrata, può sembrare a noi moderni un fatto normale ma, nella mentalità del tempo, costituì un importante passo avanti nella definizione della libertà creativa dell’artista, il quale, precedentemente alla Rivoluzione, era stato in qualche modo sottomesso alla volontà della committenza: per la Francia, in particolare, a quella del re. In questa occasione, David scrisse un testo che giustificava sia questa forma di esposizione sia la nudità dei guerrieri che avevano scatenato grandi polemiche.

Dopo l’espulsione degli artisti dal Louvre tra cui lo stesso David, il dipinto fu spostato nell’ex chiesa del Collegio Cluny in Place de la Sorbonne che fungeva ormai da personale laboratorio di David. Nel 1819 David vendette Le Sabine e la sua tela gemella Leonida alle Termopili” ai musei reali per 100.000 franchi. Prima esposto al Palais du Luxembourg e, dopo la morte del pittore, il dipinto tornò al Louvre nel 1826.

Ersilia, moglie di Romolo,
Ersilia, moglie di Romolo, “Le Sabine” è un dipinto Jacques-Louis David

Al centro del dipinto di David si riconosce Ersilia, moglie di Romolo, che spalancando le braccia cerca di impedire lo scontro tra il marito e Tazio, re dei Sabini. Attorno a lei, le altre donne mostrano i bambini nati dall’unione con i Romani. La difesa della famiglia prevaleva sulla vendetta dell’onore ferito. Queste donne non sono diventate mogli e madri per loro scelta, ma tali oramai sono: sentono pertanto l’imperativo morale di preservare quanto è stato costruito.

“Le Sabine” è un dipinto Jacques-Louis David-Tito Tazio Particolare
“Le Sabine” è un dipinto Jacques-Louis David-Tito Tazio Particolare
“Le Sabine” è un dipinto Jacques-Louis David-Particola Romolo
“Le Sabine” è un dipinto Jacques-Louis David-Particolare Romolo
“Le Sabine” è un dipinto Jacques-Louis David-Particolare Romolo
“Le Sabine” è un dipinto Jacques-Louis David–Particolare Bambini