News Ticker

Castel di Guido -CUORE E SOLDI ALTROVE- ovvero :”PER UN PIATTO DI LENTICCHIE”.

Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”

Castel di Guido- 12 aprile 2017-Distruggere un Borgo medievale, la Sua Storia millenaria, non è impresa da poco, solo “piccolissimi uomini dal prezzo facile” sono in grado di poterlo fare. Castel di Guido il Borgo medievale “violentato da cialtroni incapaci, uomini rozzi estranei al bello , nemici del sole e della luna”. Vivere Castel di Guido in un modo diverso, osservarlo con occhi “puliti”, essere un abitante del Borgo che non ha istinti da “PREDONE” , essere Cittadino di Castel di Guido VERO come si diceva una volta :”con il cuore e con l’anima”. I “signori” che hanno depredato e distrutto “il nostro” Castel di Guido sono ormai “altrove” a godersi i frutti dello scempio che ci hanno lasciato. I barbari che hanno “SPEZZATO L’EMOZIONE” sono “altrove a godersi il brutto frutto della loro anima arida”. C’è forse un pensiero che è pari. Per profondità e smarrimento. C’è forse un’emozione che è pari. Forse un dolore che è pari nel vedere un Borgo bello e forte crollare col cuore a pezzi in un deposito di meschini interessi . Piccoli interessi da “bottegaio” . Vi è un dolore, un’emozione che forse sono pari a quello che hanno dominato gli occhi e i cuori nel mondo nel vedere un Borgo bello e forte cadere ed avviato alla morte troppo presto, ma la partita non è finita. E sono il dolore, l’emozione che ci prende nel pensare che Castel di Guido, quel bel vigore che infondeva non abbiano avuto senso. Vedere, l’amato, Castel di Guido, così com’è ridotto, è un nodo alla gola. L’ingiustizia di un Borgo che cade nel pieno del suo splendore, è quasi pari all’ingiustizia di pensare che la vita, quella di tanti giovani, sia priva di senso. Sia come un bell’”arabesco” nel nulla. Sia come una cosa fantastica e breve, priva di reale significato, cioè priva di un destino buono. Perciò vedendo lo spaventoso spettacolo di Castel di Guido che crolla sotto “l’ignorante bastone di piccoli uomini privi di scrupolo ” .E a quel crollare fa eco, per così dire, quel sorgere e cantare la SPERANZA. E a quell’emozione che fa quasi perdere il senno, risponde, con l’”ultrasuono” di un’impalpabile ma ragionevole speranza, l’emozione di vedere questi vecchi e giovani che gridano e cantano perché la vita – duri cent’anni o venti o un mese – ce l’ha. Scene ed emozioni OPPOSTE al neutro e scialbo chiacchiericcio di prezzolati “capibastone” che per “ un misero piatto di lenticchie” vendono il futuro del Borgo ad avvoltoi e sciacalli. Resistere agli sciacalli e alla serpe che sputa il veleno dell’odio.
Guido da Spoleto vinse i Saraceni, riusciremo noi, oggi, a vincere la giostra della MezzaLuna? Vivere Castel di Guido, andare oltre e che il bagordo innalzi le membra degli avvoltoi come trofeo di vittoria.
-articolo di Franco Leggeri-

Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido
Castel di Guido
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido“PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”
Castel di Guido tra “PROSTITUZIONE&IMMONDIZIA”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*