News Ticker

Addio a Bill Cunningham, il «padre» della street photography.

Bill Cunningham, il «padre» della street photography.
Bill Cunningham, il «padre» della street photography.
Bill Cunningham, il «padre» della street photography.

Bill Cunningham, il fotografo di moda che immortalava le persone in strada.In bici, vestito sempre con la giacca blu, i pantaloni chiari e le scarpe con la suola di gomma. Era il maestro dello street style. Rifiutò l’assunzione al «New York Times» finché un furgone lo mandò in ospedale (senza assicurazione).

Bill Cunningham, il «padre» della street photography.
Bill Cunningham, il «padre» della street photography.
Bill Cunningham, il «padre» della street photography.
Bill Cunningham, il «padre» della street photography.

Roma- 27 giugno 2016-Anna Wintour gli ha fatto il complimento più bello, «ci vestiamo tutte per Bill», ma sarebbe sbagliato ridurre la carriera di Bill Cunningham, morto l’altro giorno a New York all’età di 87 anni per un ictus, a quella di fotografo di personaggi famosi. Cunningham fece per mezzo secolo nelle strade di New York esattamente quello che faceva alle sfilate, o alle feste del falò delle vanità di Manhattan: fotografare la società, attraverso i vestiti. Non solo quella dei ricchi: la vita di tutti.

Bill Cunningham, il «padre» della street photography.
Bill Cunningham, il «padre» della street photography.
Il mondo come passerella

Per Cunningham, bostoniano trapiantato a New York dopo un’infelicissima esperienza a Harvard la prima carriera fu sì nella moda, ma come cappellaio per signore dell’Upper East Side. Capì all’alba degli anni 60 che presto nessuna avrebbe più portato cappelli e che con la fotografia avrebbe potuto raccontare una storia più bella: il mondo come passerella. Solo i bambini, quando giocano, hanno sulle labbra lo stesso sorriso che aveva Cunningham al lavoro: facendo gimkane in bici tra i camion di Midtown seguiva la preda, vestito sempre in giacca blu da netturbino di Parigi, pantaloni khaki, scarpe nere con la suola di gomma.

Bill Cunningham, il «padre» della street photography.
Bill Cunningham, il «padre» della street photography.
La vita monacale nello sgabuzzino fra i suoi negativi

Fece vita monacale dormendo per sessant’anni su una specie di barella in uno sgabuzzino che ospitava l’archivio dei suoi negativi, con il bagno sul corridoio. Rifiutò per decenni l’assunzione al New York Times, del quale era collaboratore fisso, avere un padrone gli faceva orrore: si rassegnò a cedere alle avances del giornale nel 1994, quando non riuscì a schivare l’ennesimo furgone e finì all’ospedale senza assicurazione. Gli ultimi anni furono quelli dei premi come il titolo di Chevalier dans l’ordre des Arts et des Lettres, ritirato a Parigi. Gli dedicarono un bel documentario e lui non andò in sala, la sera della prima, perché doveva fotografare gli invitati sul tappeto rosso.

Bill Cunningham, il «padre» della street photography.
Bill Cunningham, il «padre» della street photography.
«La libertà non ha prezzo»

E poi la mostra al Metropolitan alla quale rispose «no grazie» e le campagne ricchissime che avrebbe potuto scattare per gli stilisti che non prese mai in considerazione, «i soldi sono facili ma la libertà non ha prezzo». Venne considerato il padre nobile dei fotografi di street style che affollano Internet ma lui scattò fino a qualche anno fa solo su pellicola e paragonarlo, come artista, a quei blogger è come paragonare Basquiat a un graffitaro che spruzza un «tag» su una saracinesca.

Bill Cunningham, il «padre» della street photography.
Bill Cunningham, il «padre» della street photography.
Bill Cunningham, il «padre» della street photography.
Bill Cunningham, il «padre» della street photography.

watch-the-bill-cunningham-new-york-trailer

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*