News Ticker

ROMA-Con Bulgari torna a splendere il mosaico delle Terme di Caracalla.

Roma Mosaico Terme di Caracalla
Roma Mosaico Terme di Caracalla
Roma Mosaico Terme di Caracalla

Non era visibile da oltre 40 anni, nascosto da uno strato di terra che ne impediva la fruizione. Ora, dopo un restauro iniziato alla fine del 2015 e durato tra i sei e i sette mesi, torna al suo antico splendore il mosaico policromo della palestra occidentale delle Terme di Caracalla. Un intervento, realizzato dalla soprintendenza speciale per il Colosseo e l’Area Archeologica Centrale di Roma, reso possibile da una donazione di Bulgari che ha finanziato il recupero dell’opera investendovi 50mila euro. Un primo passo che, però, non resterà il solo.

L’amministratore delegato di Bulgari, Jean-Christophe Babin, infatti, ha annunciato che sarà finanziato il restauro anche dell’altra parte del mosaico. “L’arte e il bello a Roma – ha spiegato Babin nel corso della presentazione alla stampa del restauro – sono sempre stati al centro dell’attenzione di Bulgari”. L’intervento sulla prima porzione del mosaico, “non è il solo contributo di Bulgari. Oggi vediamo una prima parte del restauro, ma finanzieremo anche la seconda parte del restauro di questi mosaici”.

Per Bulgari, ha sottolineato Babin, si tratta di “una missione”, ovvero “rendere alla Città Eterna un po’ di ciò che la Città Eterna ha dato ai nostri creativi e ai nostri artigiani”. Un’arte, quella di Bulgari, “molto ispirata ai 2.700 anni di arte e cultura romana”. In particolare, ha spiegato l’Amministratore Delegato di Bulgari, “questi mosaici hanno dato l’idea per la collezione di gioielli ‘Divas’ Dream’, un successo mondiale”. Una linea che “non è altro che specchio di questi mosaici colorati a sagoma di ventaglio”.

Il restauro del mosaico di circa 25 metri quadri, che nella sua interezza supera gli 80 metri quadri, curato da Marina Piranomonte e Anna Borzomati, si è articolato in diverse fasi: dopo una pulitura preliminare, si è preceduto al consolidamento del piano del mosaico e ad altri interventi finalizzati a evitare cedimenti. Ciò ha permesso il recupero di numerose tessere interrate. La pulitura definitiva è stata completata dalla stesura di un velo protettivo.

“Il mosaico – ha spiegato Borzomati – era interrato, sono state realizzate diverse fasi di pulitura per rimuovere la terra. La presenza di vecchie stuccature di cemento, presenti nell’intervento precedente degli anni ’40, aveva creato dei difetti di degrado, soprattutto nella parte superiore, dove ci si è concentrati con una pulitura più specifica. Le mancanze sono state integrate con le tessere originarie, recuperate con la setacciatura della terra”.

I lavori di recupero, ha spiegato Francesco Prosperetti, soprintendente speciale per il Colosseo e l’Area archeologica Centrale di Roma, permettono di tornare su un tema, cioè “la collaborazione con Bulgari, che già era intervenuta in passato alle Terme di Caracalla, ma che in questa occasione vediamo in una luce nuova, quella dell’applicazione dell’Art Bonus. Un meccanismo che incentiva in maniera finalmente efficace il rapporto tra le aziende, i privati, e la pubblica amministrazione”.

“Fino a qualche anno fa – ha detto Prosperetti – il restauro delle opere d’arte era una prerogativa assoluta del pubblico. Investire nella bellezza non è solo un dovere della nostra amministrazione, ma si sta rivelando un elemento importante per le aziende private che, come Bulgari, sulla bellezza lavorano da più di un secolo”.

La direttrice delle Terme di Caracalla, Marina Piranomonte ha infine ricordato che “i marmi che venivano usati per i mosaici arrivavano dai quattro angoli dell’Impero. Dobbiamo guardare questi mosaici come un capolavoro frutto dell’opera dell’uomo e di una grande capacità costruttiva”.

Fonte adnkronos

Roma Mosaico Terme di Caracalla
Roma Mosaico Terme di Caracalla
Roma Mosaico Terme di Caracalla
Roma Mosaico Terme di Caracalla
Il mosaico policromo sul pavimento di marmo della palestra occidentale delle Terme di Caracalla è tornato alla luce. È stata completata la prima parte del restauro, come hanno annunciato Francesco Prosperetti, soprintendente speciale per il Colosseo e l’area archeologica centrale, e Jean-Christophe Babin, amministratore delegato di Bulgari, che ha finanziato il progetto. Dopo una pulitura preliminare, si è consolidato il piano del mosaico, ricomponendolo con le tessere originali recuperate. Arriva anche la conferma che, sempre grazie alla casa di moda, proseguiranno i lavori per la seconda parte del mosaico. Il luogo è stato, tra l’altro, fonte di ispirazione per la collezione di gioielli “Divas’ Dream”, il cui disegno riprende le linee dei mosaici.
Il mosaico policromo sul pavimento di marmo della palestra occidentale delle Terme di Caracalla è tornato alla luce. È stata completata la prima parte del restauro, come hanno annunciato Francesco Prosperetti, soprintendente speciale per il Colosseo e l’area archeologica centrale, e Jean-Christophe Babin, amministratore delegato di Bulgari, che ha finanziato il progetto. Dopo una pulitura preliminare, si è consolidato il piano del mosaico, ricomponendolo con le tessere originali recuperate. Arriva anche la conferma che, sempre grazie alla casa di moda, proseguiranno i lavori per la seconda parte del mosaico. Il luogo è stato, tra l’altro, fonte di ispirazione per la collezione di gioielli “Divas’ Dream”, il cui disegno riprende le linee dei mosaici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*